• testata 19_2
  • t100
  • testata15_9
  • t101
  • nt28
  • testata16
  • t102
  • t7 1819
  • t2 1819
  • t103
  • t9 1819
  • testata 19_1
  • t6 1819
  • t1 1819
  • testlowe2
  • t10 1819
  • testata 16
  • t11 1819
  • t3 1819
  • t12 1819

Altri BES

 

BES non tutelati dalle Leggi 104/92 e 170/10

referente prof.ssa Adriana Vicari

 

 

L’espressione “Bisogni Educativi Speciali” (BES) è entrata nel vasto uso in Italia dopo l’emanazione della Direttiva ministeriale del 27 dicembre 2012 Strumenti di intervento per alunni con Bisogni Educativi Speciali e organizzazione territoriale per l’inclusione scolastica“.

La Direttiva stessa ne precisa succintamente il significato: “L’area dello svantaggio scolastico è molto più ampia di quella riferibile esplicitamente alla presenza di deficit. In ogni classe ci sono alunni che presentano una richiesta di speciale attenzione per una varietà di ragioni: svantaggio sociale e culturale, disturbi specifici di apprendimento e/o disturbi evolutivi specifici, difficoltà derivanti dalla non conoscenza della cultura e della lingua italiana perché appartenenti a culture diverse”.

 

Ogni alunno, con continuità o per determinati periodi, può manifestare Bisogni Educativi Speciali: o per motivi fisici, biologici, fisiologici o anche per motivi psicologici, sociali, rispetto ai quali è necessario che le scuole offrano adeguata e personalizzata risposta” – D.M. 27/12/2012

 

 

NORMATIVA

ACCOGLIENZA

MODULISTICA

ALTRI MATERIALI

 

Progetto "IPSSAR Online" by Prof. Roberto Casaccia

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.